in direzione ostinata e contraria

p_files_2006_13108.jpgo0c0f0w1d250aCh0Un viaggio in fondo ai tuoi occhi
“dai d’illusi smammai”
Un viaggio in fondo ai tuoi occhi solcherò
Dune Mosse.
Don’t cry però
Poi…
colammo giù
E miseri
noi…
guardammo il blu.

Il mare in fondo ai tuoi occhi
Grembi nudi lambì
Il vento in fondo ai tuoi occhi
Carezzò Dune Mosse.

Don’t cry e noi
poi…
colammo giù
Si rimbalzò
e…
tornammo su.

Dentro una lacrima
e verso il sole
Voglio gridare amore
uh uh
Non ne posso più
Vieni t’imploderò
a rallentatore
E nell’immenso morirò!

Un viaggio in fondo ai tuoi occhi
“nei d’illusi smammai”
la pioggia in fondo ai tuoi occhi
cancellò Dune Mosse.

Don’t cry però
Poi…
colammo giù
e miseri
noi…
guardammo il blu.

Un viaggio in fondo ai tuoi occhi
solcherò Dune Mosse
un viaggio in fondo ai tuoi occhi
solcherò, solcherò, Dune Mosse!
un viaggio in fondo ai tuoi occhi

Altri testi su: http://www.angolotesti.it/Z/testi_canzoni_zucchero_360/testo_canzone_dune_mosse_21183.html
Tutto su Zucchero: http://www.musictory.it/musica/Zucchero

mfront_bambini_gaza

 

Ccomme so avete ‘e stelle a Bethlemme
Comme so avete ‘e stelle a Bethlemme
come so avete ‘e stelle

e comme song affummichiate sti feneste
come song affummicchiate sti feneste
n’ ghiuse

e canta canta canta
canta cu ‘o tambur
e canta canta canta
canta Palestina
canta canta a speranza
e chi ‘e speranza campa
risperato nun more

gelibi majrouh yalik ya falestin
(il mio cuore è triste per te Palestina)

Comme sono n’fuse ‘e ciure a Bethlemme
comme so n’fuse ‘e ciure a Bethlemme
so n’fuse ‘e ciure

e ‘o sole e la luna ammescano ‘e culure
o sole e a luna ammescano ‘e culure
o sole e a luna

e canta canta canta
canta cu ‘o tambur
e canta canta canta
canta Palestina
canta canta a speranza
e chi ‘e speranza campa
risperato nun more

gelibi majrouh yalik ya falestin
(il mio cuore è triste per te Palestina)

Il Bar della rabbia

mannarino-il-bar-della-rabbia-26274261Quanno un giudice punta er dito contro un
povero fesso nella mano strigne artre tre dita
che indicano se stesso.
A me arzà un dito pe’ esse diverso
me fa più fatica che spostà tutto l’Universo.
So’ ‘na montagna… se Maometto nun viene…
mejo… sto bene da solo, er proverbio era
sbajato. So’ l’odore de tappo der vino che
hanno rimannato ‘ndietro so’ i calli sulle
ginocchia di chi ha pregato tanto e nun ha mai
avuto e ce vo’ fegato… ahia…
So’ come er vento… vado ‘ndo me va…
vado ‘ndo me va… ma sto sempre qua.

E brindo a chi è come me ar bar della rabbia e
più bevo e più sete me vie’
sti bicchieri so’ pieni de sabbia.

So’ er giro a voto dell’anello cascato ar dito
della sposa che poi l’ha raccorto e me l’ha
tirato e io je ho detto: “mejo… sto bene da
solo…” Senza mogli e senza buoi
e se me libero pure dei paesi tuoi sto a
cavallo… e se me gira faccio fori pure er
cavallo tanto vado a vino mica a cavallo.

So’ er buco nero der dente cascato ar soriso
dela fortuna e la cosa più sfortunata e
pericolosa che m’è capitata nella vita è la
vita, che una vorta che nasci, giri… conosci…
intrallazzi… ma dalla vita vivo nunne esci…
uno solo ce l’ha fatta… ma era raccomannato…
Io invece nun c’ho nessuno che me spigne
mejo…’n se sa mai… visti i tempi!

Ma se rinasco me vojo reincarnà in me stesso
co’ la promessa de famme fa’ più sesso
e prego lo spirito santo der vino d’annata
di mettermi a venne i fiori pe la strada
che vojo regalà ‘na rosa a tutte le donne che
nun me l’hanno datacome a dì: “tiè che n’a so
fa ‘na serenata!”
E brindo a chi è come me
ar bar della rabbia o della Arabia
e più bevo e più sete me vie’
sti bicchieri so’ pieni de sabbia.

Ma mò che viene sera e c’è il tramonto
io nun me guardo ‘ndietro… guardo er vento.
Quattro ragazzini hanno fatto ‘n’astronave con
n’pò de spazzatura vicino ai secchioni, sotto
le mura dove dietro nun se vede e c’è ‘n’aria
scura scura.
Ma guarda te co’ quanta cura
se fanno la fantasia de st’avventura…
Me mozzico le labbra
me cullo che me tremano le gambe de paura
poi me fermo e penso:
“però che bella sta bella fregatura…”

E brindo a chi è come me ar bar della rabbia
e più bevo e più sete me vie’
sti bicchieri so’ pieni de sabbia.

http://www.musicultura.it/archivio/canzoni/cdmusicultura20/04-Il-Bar-della-rabbia.mp3/audio_view

0

 

Ninna nanna, dorma fiöö

El tö pà el g’ha un sàcch in spala

E’l rampèga in sö la nöcc

Rega la löena de mea fäll ciapà

Prega la stèla de vardà in duvè che’l va

Prega el sentèe de purtàmel a cà

 

Ninna nanna, dorma fiöö

El tö pà el g’ha un sàcch in spala

Che l’è piee de tanti ròpp:

El g’ha deent el sö curàgg

El g’ha deent la sua pagüra

E i pàroll chè l po’ mea dì

 

Ninna nanna, dorma fiöö…

Che te sògnet un sàcch in spàla

Per rampegà de dree al tò pà

Sö questa vita che vìvum de sfroos

Sö questa vita che sògnum de sfroos

In questa nòcc che prègum de sfroos

 

Prega el Signuur a bassa vuus

Cun la sua bricòla a furma de cruus

 

TRADUZIONE DI ANONIMO

Ninna Nanna, dormi figliolo…

tuo papà ha un sacco in spalla

e si arrampica sulla notte…

Prega la luna di non farlo prendere

prega la stella di guardare dove va

prega il sentiero di portarmelo a casa….

 

Ninna Nanna, dormi figliolo…

tuo papà ha un sacco in spalla

che è pieno di tante cose:

ha dentro il suo coraggio

ha dentro la sua paura

e le parole che non può dire….

 

Ninna Nanna, dormi figliolo…

che sogni un sacco in spalla

per arrampicare dietro a tuo padre…

su questa vita che viviamo di frodo

su questa vita che sognamo di frodo

in questa notte che preghiamo di frodo

 

Prega il Signore a bassa voce…..

con al sua bricolla a forma di croce….

salvamm_o_munnoVivene sott terr a Bucarest
sniffann’a coll a dint’e buste
a Bagdad invece ancora ngopp ‘e mure
stann azzeccati ‘e schizzi d’uocchie de guagliuni
ninni int’ ‘e favellass tutt’arrepezzati
stelle sgravugliate e luna ammappuciata
pierzichi niri niri de mamma africana
spuorchi e chine de famm nun arrivano a dimane

Tutt’eguale song ‘e criature
nisciuno è figlio de nisciuno
tutt nati dall’ammore
se sape come si nasce
ma nun se sape comme se more
tutt’eguale song ‘e criature
nisciuno è figlio de nisciuno

è figlio d’albanese e nato miez ‘o mar
attiento ca se magneno ‘e piscican
cu ‘o mucc o’ naso e cu o’ fucile n’mano
adda fa l’omo si è serbo o afgano
o’ Kurdistan semp e stessi pann
Haiti da na discarica o’ mmagna’ aunanne
ciuri cu l’uocchie a mmandorla jettati miezo ‘a via
a orient a pagament pe sstrani ffantasie

Tutt’eguale song ‘e criature
nisciuno è figlio de nisciuno
tutt nati dall’ammore
se sape come si nasce
ma nun se sape comme se more
tutt’eguale song ‘e criature
nisciuno è figlio de nisciuno

int’a nu prato verde
annà pazzià
nun s’anna stutà ‘e suonne
s’anna fa vulà
nun s’anna mai deludere
nun s’anna mai tradì
nun s’anna abbandunà
nun s’anna fa suffrì

Tutt’eguale song ‘e criature
nisciuno è figlio de nisciuno
tutt nati dall’ammore
se sape come si nasce
ma nun se sape comme se more
tutt’eguale song ‘e criature
nisciuno è figlio de nisciuno

Traduzione italiana di Martin

TUTTI UGUALI SONO I BAMBINI

Vivono sotto terra a Bucarest
sniffando colla dalle buste
a Bagdad, invece, sui muri
sono appiccicati gli schizzi di occhi dei ragazzi
bimbi nelle favelas tutti rappezzati
stelle avvoltolate e luna stropicciata
ciuffi neri neri di mamma africana
sporchi e affamati non arrivano a domani

Tutti uguali sono i bambini
nessuno è figlio di nessuno
tutti nati dall’amore
si sa come si nasce
ma non si sa come si muore
tutti uguali sono i bambini
nessuno è figlio di nessuno

Figlio di albanese nato in mare
attento che se lo mangiano i pescecani
col moccio al naso e il fucile in mano
deve fare l’uomo se è serbo o afgano
il Kurdistan sempre la stessa storia
ad haiti raccogliendo cibo da una discarica
fiori dagli occhi a mandorla gettati per strada
ad oriente a pagamento per strane fantasie

Tutti uguali sono i bambini
nessuno è figlio di nessuno
tutti nati dall’amore
si sa come si nasce
ma non si sa come si muore
tutti uguali sono i bambini
nessuno è figlio di nessuno

In un prato verde
devono giocare
non si devo spegnere i sogni
si devono far volare
non si devono mai deludere
non si devono mai tradire
non si devono abbandonare
non si devono far soffrire

Tutti uguali sono i bambini
nessuno è figlio di nessuno
tutti nati dall’amore
si sa come si nasce
ma non si sa come si muore
tutti uguali sono i bambini
nessuno è figlio di nessuno

http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=4663

TrayvonMartinHoodedConosci i Tuoi diritti: tutti e tre.
Il diritto numero uno, secondo la canzone “Know your rights” dei Clash, è quello di non essere ucciso: “L’assassinio è un crimine! naturalmente a meno che non venga commesso da un poliziotto o da un aristocratico..”

Il 26 febbraio 2012 a Sanford, Florida, un vigilante armato (neighborhood watch coordinator) di 28 anni, George Zimmerman, ispanico, ha sparato e ucciso il diciassettenne afro-americano Trayvon Martin.

Zimmerman, inizialmente accusato d’omicidio, è stato assolto pochi giorni fa, il 13 luglio 2013.

Malgrado non ci siano prove che Trayvon fosse coinvolto in attività criminale al momento della sua uccisione il suo comportamento è stato descritto come “sospetto” dal vigilante mentre chiamava la polizia la sera del delitto: “il tizio è un poco di buono, è un tossico o qualcosa di simile. Piove e se ne va in giro, guardando le case.” Al termine della telefonata, il vigilante ha affrontato il giovane, uccidendolo con un colpo al petto.

All’arrivo della polizia il vigilante ha affermato di essere stato aggredito e di aver agito per legittima difesa. La polizia, dopo averlo interrogato per 5 ore lo rilasciò, alimentando le accuse di razzismo. Dopo mesi la corte ha accettato la versione della legittima difesa assolvendo il vigilante da ogni accusa e restituendogli la pistola. Un verdetto contestato per le strade.

Le Reazioni

La Million Hoodie March (la marcia del milione di cappucci) a New York lo scorso marzo ha ribadito che l’uccisione di Trayvon è di stampo razzista. Il profiling effettuato dalla polizia e dai vigilanti tende a scattare in determinate circostanze, come il colore scuro della pelle, pantaloni tenuti bassi e felpa con cappuccio.

Il “New Black Panther Party” ha inizialmente offerto una taglia di 10.000 dollari per la cattura del vigilante.

Il regista Spike Lee ha buttato su Twitter un supposto indirizzo del vigilante, portando la famiglia a trasferirsi per evitare guai. (in seguito Spike Lee si è scusato del gesto).

Manifestazioni di protesta in questi giorni a Washington, Loas Angeles e Oakland.

I tag di Twitter:

#Justice4Trayvon #Nojustice #TrayvonMartin

“questi tizi, se la scampano sempre”

Questa la frase che il vigilante ha pronunciato durante la sua chiamata alla polizia, prima di scendere dalla macchina

Qui l’intera telefonata.

Trayvon Martin era disarmato, portava una felpa con cappuccio e in tasca aveva caramelle e una lattina di té freddo. Pioveva.

Wikipedia ENG: The Shooting of Trayvor Martin

FONTE  http://www.milanox.eu/know-you-rights-lassassinio-e-un-crimine/

Traduzione

Questo È Un Annuncio Di Pubblico Servizio
Con La Chitarra
Conosci I Tuoi Diritti
Tutti E Tre

Numero 1
Tu Hai Il Diritto Di Non Essere Ucciso
L’omicidio È Un Crimine!
Eccetto Quando Non Sia Commesso
Da Un Poliziotto O Da Un Aristocratico

Conosci I Tuoi Diritti
Numero 2
Tu Hai Diritto Al Denaro Per Il Cibo
Purchè Naturalmente
Non Ti Dispiaccia Un Po’ Di
Investigazione, Umiliazione
E Se Incroci Le Dita
Riabilitazione

Conosci I Tuoi Diritti
Questi Sono I Tuoi Diritti
Conosci Questi Diritti

Numero 3
Hai Il Diritto Di Parlare Liberamente
Sempre Che Non Ti Venga Tappata La Bocca
Mentre Ci Provi

Tutti E Tre
Ti Sono Stati Suggeriti
In Alcuni Quartieri Questo Non È Abbastanza
Bene
Scendi In Strada
Scendi In Strada
E Corri
Non Hai Una Casa Dove Andare

Alla Fine
Quando Ti Avrò Letto I Tuoi Diritti
Hai Il Diritto Di Rimanere In Silenzio
Sei Avvertito Che Ogni Cosa Dirai
Potrebbe Essere E Sarà Usata
Come Prova Contro Di Te
Ascolta
Scappa!

http://vnsmatrix.blogspot.it/2009/01/know-your-rights-clash-testo-e.html

 

 

Che me fa fa’ st’ammore 
tutta la vita a navigare 
tutte le vele a consumare 
tutte le isole a scoprire 
la sponda sud di tutti i venti 
la sponda sud di tutto il mare 
incontro a tutte le correnti 
per navigare sempre un po’ più avanti 
Che me fa fa’ st’ammore 
la grande Africa attraversare 
dalle sorgenti fino al mare 
per ritrovare tra quella gente 
il Sud di tutte le leggende 
per ritrovare la bellezza 
e dissetarsi e ripartire 
per una sponda ancora da scoprire 
Che me fa fa’ st’ammore 
abbandonare ogni certezza 
e navigare e innamorarsi 
‘e tutte l’isole mai truvate 
‘e tutte e mmusiche mai sentute 
e tutte ddonne scunusciute 
e naufragare cu chist’ammore 
per una sponda sud da scoprire ancora 
(coro etiope) 
Yihewna e’ndtmarew 
azneh betefe terew 
yemiy azefinh hasmat 
kim bekel yel’lebet alem 
[Traduzione] 
Affinché tu impari 
dispiaciuto per quel 
che è successo 
la magia che ti fa cantare 
Che me fa fa’ st’ammore 
coi musicisti diseredati 
con gli ambulanti di ogni fiera 
con una nave senza bandiera 
per ripartire da ogni porto 
e sopravvivere in mare aperto 
agli invisibili temporali 
delle onde radio multinazionali 
Che me fa fa’ st’ammore 
seguire Napoli fino in fondo 
andare a scuola di contrabbando 
rubare e vendere la sua arte 
giocare al gioco delle tre carte 
girare il mondo per piazzare 
il suo concerto senza frontiere 
di voci bianche e di voci nere 
Que me face isto amor 
toda a vida a navigar 
todas as velas a rasguear 
todas as islas a descubrir 
a praia sud de todos os ventos 
a praia sud de toto o mar 
pra enfrentar todas as ondas 
e navigar multo mais a frente 
(Coro etiope) 
Che me fa fa st’ammore 
tutta la vita a navigare 
tutte le vele a consumare 
tutte le isole a scoprire 
la sponda sud di tutti i venti 
la sponda sud di tutto il mare 
e naufragare con chist’ammore 
per una sponda sud da scoprire ancora

Altri testi su: http://www.angolotesti.it/E/testi_canzoni_eugenio_bennato_42351/testo_canzone_sponda_sud_768465.html
Tutto su Eugenio Bennato: http://www.musictory.it/musica/Eugenio+Bennato

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 29 follower